Alcune aziende della provincia di Pavia si sono riconvertite e affrontano la crisi innovando

Quelle che neanche il Covid-19 ha messo in ginocchio. Confindustria elogia l'ingegno e la tenacia delle tante aziende del territorio, che nel momento più buio, si sono reinventate, convertendosi e mettendo sul mercato prodotti necessari in epoca di coronavirus.







Quelle che neanche il Covid-19 ha messo in ginocchio. Confindustria elogia l'ingegno e la tenacia delle tante aziende del territorio, che nel momento più buio, si sono reinventate, convertendosi e mettendo sul mercato prodotti necessari in epoca di coronavirus. Una delle più note aziende del meccano calzaturiero di Vigevano, l'Elettrotecnica BC, produce ora pure mascherine. Mille pezzi al giorno. Ma l'azienda non si è fermata qui: ha anche progettato e prodotto un modello di mascherina per non udenti, lavabile, con una parte trasparente in pvc cucita in corrispondenza della bocca, assicurando così ai non udenti un supporto per la lettura delle labbra. qui vigevanoSfida accetta (e vinta) anche dalla Brustia Alfameccanica di Vigevano, che, spiega l'associazione degli industriali «con la sua divisione Medical è al centro dell'impegno per mettere a disposizione le competenze e gli strumenti utili sui temi della prevenzione e della sicurezza nelle imprese. Si va dal Totem Scann autonomo per il rilevamento della temperatura corporea all'ingresso di imprese e uffici, fino alla produzione di visiere di protezione facciale da liquidi e aerosol con funzione di DPI, fino ai sistemi di sanificazione degli ambienti tramite ozonizzazione e UV combinati.




#Vigevano #CoronaVirus #AziendeRiconvertite




credits:

la provincia pavese


20 visualizzazioni0 commenti