top of page

Italia. “Padri separati, i nuovi poveri?”

“I padri separati non collocatari, ovvero col diritto di visita ma che non vivono stabilmente coi figli, soffrono spesso, a causa di separazione e divorzio, una situazione di assoluta precarietà”






Secondo dati dell’Unione dei padri separati, nel 94% il genitore collocatario prevalente è la madre e, di conseguenza, il padre è tenuto a versare assegno di mantenimento. Inoltre, solo nel 30% dei casi al padre è concesso mantenere la casa, e il restante 70%, oltre al proprio mantenimento, deve provvedere ad una nuova abitazione (a volte continuando a pagare il mutuo dell’abitazione familiare).






credit:

unione sarda




4 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page