top of page

Ristoranti, bar e pub, i più colpiti dalle norme anti covid.

Inevitabilmente, secondo il governo e il Comitato tecnico scientifico. Sono i quattro settori che pagano dazio al nuovo Dpcm. Ristoranti, bar e pub, che secondo Fipe-Confcommercio bruceranno 300 milioni al mese per effetto delle chiusure a mezzanotte;





il catering, ridotto ai minimi termini (-85%) e ora costretto a fare i conti con i limiti alla partecipazione a cerimonie e ricevimenti; i viaggi, con migliaia di gite scolastiche che saltano, spesso anche già programmate; i circoli sportivi, bloccati dal divieto di praticare sport amatoriali di contatto al di fuori dei protocolli sanitari firmati con il governo. Il compromesso tra ragioni dell'economia, della socialità e della sanità pubblica non può piacere alle categorie più colpite nel portafogli.









credit:

la provincia pavese


10 visualizzazioni0 commenti
bottom of page