top of page

Vigevano. Altèrco tra Franco Notarfrancesco del Gruppo Civico e il Sindaco Sala sulla sala Leoni.

Questa è la trascrizione dell' altèrco tra il consigliere Franco Notarfrancesco del Gruppo Civico e il Sindaco Sala in consiglio comunale a Vigevano il 26.05.20 alle ore 20.00 sull'utilizzo della Sala Leoni come casa famiglia per anziani autosufficienti. Il Sindaco Sala dice che a Vigevano non c'è richiesta per una struttura del genere, quando, però, il De Rodolfi ha una lista di attesa di circa 300 anziani!





Questa è la trascrizione dell' altèrco tra Franco Notarfrancesco del Gruppo Civico e il Sindaco Sala in consiglio comunale a Vigevano il 26.05.20 alle ore 20.00 sull'utilizzo della Sala Leoni come casa famiglia per anziani autosufficienti.


Franco Notarfrancesco:


"L' interrogazione per la Sala Leoni. Premesso che in data 3 marzo 2016 c'è stato un verbale di deliberazione della giunta comunale n 49 per un corretto utilizzo della Sala Leoni da sottoporre al consiglio comunale dove veniva deliberato con voto unanime la costruzione della casa famiglia comunità alloggio per anziani autosufficienti. Successivamente in data 26 marzo 2016 veniva convocata una riunione con delibera n 9 con oggetto utilizzo della Sala Leoni, modifica alle linee programmatiche di mandato con 18 voti favorevoli, 18 non 11. Successivamente in data 28 settembre di quell' anno veniva discussa una mozione presentata dalla lista strada verso Milano lega Forza Italia gruppo civico è grande Nord sul recupero della sala Leoni per la realizzazione della casa famiglia per anziani. La mozione veniva approvata a maggioranza. Oggi si interroga il sindaco al fine di conoscere le motivazioni di questo ritardo nella procedura per la realizzazione dell'opera visto che sono già a bilancio i fondi necessari".


Risponde in Sindaco Sala:


"Il fatto che venga manifestato una volontà politica di identificare questo tipo di di servizio cioè la casa famiglia, quindi di anziani autosufficienti dove hanno diciamo degli spazi privati ma anche spazi comuni, sostanzialmente lo scopo nasceva da un'esperienza cominciata in un' alloggio già utilizzato del comune di Vigevano nella zona di Corso Milano nel quale si voleva portare ad una scala più ampia. Abbiamo detto che è una cosa che sembra funzionare bene. L'importo è abbastanza contenuto perché stiamo parlando di una ristrutturazione che stava sotto i 200mila euro. Il problema è la gestione degli utenti. Però se non si è attuato, probabilmente perchè mancano sostanzialmente i numeri, la domanda".


Franco Notarfrancesco replica:

(si dichiara non soddisfatto)


"Questo era del programma politico presentato dalla strada verso Milano e adesso si rimangia quello che ha detto. I numeri ci sono, c'è una coda nella Rsa De Rodolfi di 300 persone che attendono un posto. Tra questi 300 anziani ci saranno certamente 10 autosufficienti. Diciamo che manca la volontà politica, fare il lavoro alla sala Leoni, e una questione puramente politica".





credits:

photo by guida consumatore


383 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page