top of page

Covid, "virus mutato in Danimarca dai visoni"

"Ancora una volta dalla Danimarca giungono notizie raccapriccianti sulla diffusione del coronavirus Sars-Cov-2 introdotto dall’uomo (operatori infetti) negli allevamenti intensivi dei visoni, animali particolarmente sensibili a questa infezione, e dove il virus ha così potuto replicarsi subendo importanti mutazioni. La prima ministra danese Mette Frederiksen ha infatti annunciato la decisione del governo di dovere procedere all’abbattimento in urgenza di tutta la popolazione di visoni nel paese (la Danimarca è il secondo paese al mondo, dopo la Cina, produttore di pellicce di visone con 1.139 allevamenti e oltre 17 milioni di animali appositamente allevati ogni anno)". E' quanto rende noto la Lav.



Nei visoni sono stati isolati nuovi tipi del virus Sars-Cov-2 e che si ritrovano nella popolazione; a causa delle mutazioni che si verificano nella proteina Spike in molte di queste varianti (almeno 7) del virus, c'è il rischio che i vaccini che si stanno sviluppando con riferimento alla linea base del genoma e che puntano ad attaccare il virus proprio dalla proteina Spike, non forniranno una protezione ottimale, e comunque l’immunità di gregge alla prima infezione di Covid-19 potrà fornire una protezione inferiore contro le nuove varianti del virus. Lo Statens Serum Institut conclude dichiarando che: “proseguire nell’allevamento di visoni durante una epidemia di Covid-19, comporta un elevato rischio per la salute pubblica”.









credit:


17 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page