top of page

Dpcm, proteste contro le chiusure dei locali commerciali.

Napoli. La manifestazione di piazza Plebiscito è diventata un sit in con comizio improvvisato sotto la sede della regione Campania, raggiunto al termine di un corteo. A intervenire vari rappresentanti di settori e categorie, colpiti dalle chiusure e dalle restrizioni anti-Covid, previste dall'ultimo Dpcm e dalle recenti ordinanze nella Regione Campania. I manifestanti, oltre un migliaio, sono concentrati nell'area pedonale di via Raffaele de Cesare, una delle strade su cui affaccia Palazzo Santa Lucia, sede della regione Campania, presidiata da entrambi i lati dalle forze dell'ordine. In piazza rappresentanti del settore della ristorazione, barman, ma anche del mondo dell'animazione e intrattenimento, precari dello spettacolo, piccoli artigiani. 'Ribellati al Dpcm', 'De Luca dimettiti', 'Sono un lavoratore a nero, esisto anche io' recitano alcuni cartelli.





Milano. Una manifestazione, contro le misure di contenimento anti-covid, è stata organizzata questa sera a Milano inizialmente lungo corso Buenos Aires la più importante strada commerciale della città: vi prendono parte centinaia di manifestanti che hanno fatto esplodere grossi petardi e molotov. Il gruppo ha occupato temporaneamente la via con un corteo improvvisato e non autorizzato per poi andare davanti al Pirellone, via Fabio Filzi, e dopo davanti la sede della Regione Lombardia in via Melchiorre Gioia. In particolare, lungo il percorso sono state lanciate due bottiglie incendiarie e una terza contro un'auto della polizia locale che fortunatamente non è stata centrata. Dal corteo, in diversi hanno urlato insulti e slogan contro il premier Giuseppe Conte. In Corso Buenos Aires sono stati danneggiati dehors. Le transenne usate per il Giro d'Italia di ciclismo sono state lanciate nella scale della metropolitana, molti cassonetti sono stati rovesciati.


Torino. Momenti di tensione in piazza Castello, nel centro di Torino, dove si sono radunati i partecipanti, alcune centinaia, a una delle due manifestazioni convocate ieri sera nel capoluogo piemontese per protesta contro le norme anti Covid. Un paio di fumogeni sono stati lanciati contro il cordone dei carabinieri schierato davanti al Palazzo della Regione Piemonte. Il gesto era stato preceduto dal breve comizio improvvisato da un partecipante. Due grossi petardi sono stati poi scagliati contro il cordone della polizia davanti a Palazzo Madama. La polizia ha risposto con una azione di alleggerimento che ha disperso la folla.







credit:


53 visualizzazioni0 commenti

Yorumlar


bottom of page